ETA: la bicicletta che non teme la velocità

Eta ha raggiunto la velocità di 144.18 km/h. Il prototipo, finanziato dalla Google, strizza l'occhio al futuro delle due ruote a pedali

 ETA: la bicicletta che non teme la velocità

Eta, il prototipo di Aerovelo, crediti: aerovelo.com

La velocità nel ciclismo sicuramente è data dal suo corridore, ma esistono bici che già di per sé riescono a raggiungere risultati a dir poco sorprendenti. Un esempio è dato da “Eta”, la bicicletta del futuro; il prototipo, infatti, è in grado di raggiungere i 144 km/h, classificandosi come il mezzo a pedali più veloce del mondo.

La bici è stata realizzata da Aerovelo durante l’appuntamento annuale del ” World Human Powered Speed Challenge”, dedicato ai mezzi sospinti grazie all’energia prodotta dall’uomo.

Eta sulla pista di Battle Mountain ha raggiunto l’incredibile velocità di 89.59 miglia orarie, corrispondenti a 144.18 km/h, superando in questo modo il suo precedente primato di 86.65 miglia orarie, ossia 139.45 km/h.

Come è stato possibile raggiungere tale record? Eta è dotata di un design aerodinamico davvero futuristico, che ha caratteristiche ineguagliabili sul mercato, e di un sistema di conversione dell’energia molto efficiente che riesce a convertire la spinta sui pedali in energia capace di raggiungere queste incredibili velocità.

Struttura interna del prototipo di Aerovelo

Il cofondatore di Aerovelo, Cameron Robertson ha così commentato l’impresa : “L’efficienza di questo veicolo sembra addirittura impossibile , è un esempio incredibile dei cambiamenti che possiamo ottenere nel mondo della mobilità anche in un prossimo futuro, grazie a tecnologie che sono già in nostro possesso.” Anche Todd Reichert, l’altro cofondatore di Aerovelo che ha pilotato Eta ha affermato: “Muoversi su un mezzo cosi efficiente dà una sensazione fantastica: fende l’aria come una lama alla sua resistenza minima e prima che te ne capaciti, viaggia ad una velocità incredibile grazie alla tua energia. E’ un risultato pazzesco se pensiamo che questa energia è la stessa che serve per accendere poche lampadine.”

Il progetto Aerovelo, inizialmente nato per la progettazione di un elicottero, in seguito all’entrata di Google come finanziatore, si è focalizzato sulla realizzazione di prototipi di bicicletta rivoluzionando per sempre il mondo della locomozione a pedali.

Roberto Russo

Co-fondatore ed editore de "lapedalada.it". Laureato in "Economia Aziendale" e specializzando in "Economia e Finanza", è Sales Engineer presso la Keyence Corporation. Amante dello sport, che ha sempre praticato, è appassionato di bici

0 Reviews

Write a Review

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *