Una sfida ambiziosa, Bologna riparte dalle bici

Bologna affronta la Fase 2 ripartendo dalle bici. L'amministrazione bolognese sta incentivando la mobilità sostenibile attraverso un progetto ambizioso.

 Una sfida ambiziosa, Bologna riparte dalle bici

Bologna, riparte dalle bici: pixabay

Siamo entrati definitivamente nella Fase 2, dopo il lungo lockdown a cui siamo stati sottoposti per via del Covid-19. La città di Bologna ha così deciso di lanciare una campagna per promuovere l’uso della bicicletta; tale iniziativa #andràtuttinbici ha l’obiettivo di incentivare la bici come mezzo di trasporto principale nella vita quotidiana dei cittadini. Spostarsi in bici, infatti, ha molteplici vantaggi: permette il distanziamento fisico, riduce l’inquinamento atmosferico, permette di relazionarsi con gli altri e con la natura ed, inoltre, è un ottimo mezzo per rinforzare le difese immunitarie e prevenire così la possibilità di contrarre malattie.

Per attirare l’attenzione dei cittadini, la Consulta Comunale della Bicicletta, si è valsa di slogan del colore giallo, ben visibili, sulle fiancate di 48 autobus, su 15 cartelloni posti agli snodi stradali e sui manifesti di 100 bacheche. Questo progetto, nato dal contributo finanziario di 400 persone, ha come obiettivo quello di ingrandirsi e di arrivare in radio e nelle aziende bolognesi. Altro obiettivo della campagna #andràtuttinbici, è quello di costruire un sito “www.andràtuttinbici.it” per creare una vera e propria community e per offrire servizi, non solo alla città di Bologna, ma in tutta Italia.

Il PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) prevede che entra il 2030 ci sia un aumento del numero degli spostamenti in bicicletta, che va dal 5% fino al 14%. Considerando che il 49% degli spostamenti su auto privata non supera i 5 km, questi percorsi brevi potrebbero essere tranquillamente effettuati per mezzo di una bici.

Infine, la Consulta Comunale della Bicicletta è riuscita a sensibilizzare i cittadini sul tema della mobilità sostenibile grazie all’aiuto di altre importanti realtà del mondo del ciclismo come: Fiab, Legambiente, Salvaciclisti e altre. Un rilevante riscontro di questa attività è visibile dall’attenzione che in questo momento storico i social e i media stanno dando all’utilizzo della bicicletta.

0 Reviews

Write a Review

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *